Ti Trovi in:   Home » Guida turistica » Frazione Salaro
GUIDA TURISTICA

Frazione Salaro

Frazione Salaro


La Frazione Salaro del Comune di Sabbia è costituita da due nuclei distinti di abitazioni: Salaro Inferiore e Salaro Superiore.
Tali nuclei sono separati dal Rio Salaro e presentano un’esposizione a sud, sud-est.
La frazione è situata ad un’altitudine di 907 m.
Nella frazione è attivo un rifugio realizzato nei locali della vecchia scuola.

Cenni storici
La citazione più antica della Frazione Salaro risale al giuramento di fedeltà della Valsesia alla città di Vercelli nel 1217 e tra i rappresentanti della Val Mastallone compaiono anche alcuni firmatari del Comune di Sabbia ed in particolare di Salaro citato come “ de Salerio”. Nel 1570, in un altro documento si citano i cognomi degli abitanti: “Zanolus Gaieti consul de Sucar de Salerio”. Alcuni studiosi ritengono che il nome Salaro derivi da Solaro, cioè luogo esposto al sole, altri come luogo usato per il deposito del sale dell’intera Val Sabbiola. Altre notizie di Salaro compaiono negli inventari parrocchiali a riguardo della chiesetta della frazione.
Il sostentamento degli abitanti era legato allo sfruttamento della terra; agricoltura, allevamento e sfruttamento del bosco. Si stima che negli anni 1948/1949 si allevassero nella frazione circa 240 pecore, 200 capre e 70 mucche. Tale attività era svolta prevalentemente dalle donne e dagli anziani che nel periodo estivo salivano agli alpeggi (Alpe Campo, Alpe Laghetto, Alpi della Massa del Turlo). Gli uomini, in maggioranza, emigravano all’estero in cerca di lavoro. Le professioni più praticate furono il muratore, specialmente in Alta Savoia (Francia), il gessatore a Lione (Francia) e in Svizzera. Gli emigranti rientravano in paese per la ricorrenza dei Santi e vi rimanevano fino a marzo; la festa della frazione si teneva quindi la 2a domenica di gennaio. Nel 1952 la Dinamo costruì l’impianto dell’energia elettrica, in seguito passato all’Enel. Gli anni ’60 e ’70 segnarono l’abbandono della Frazione Salaro; molti abitanti scesero in fondovalle o emigrarono all’estero (Svizzera) alla ricerca di lavoro e di migliori condizioni di vita. Nel 1967 Salaro Superiore era completamente spopolato; stessa sorte avvenne anche per Salaro Inferiore nel 1971.

La chiesa
La chiesetta della frazione è dedicata a San Barnaba e Santo Stefano e viene citata per la prima volta nell’inventario parrocchiale del 1679.
Tra il 1907 e il 1908 fu aggiunta la sacrestia. Il campanile venne ,invece, edificato nella posizione attuale nel 1928.
La festa patronale si svolge nel mese di Agosto.

La scuola
Prima del 1948 la scuola veniva allestita di anno in anno presso le diverse case private della frazione.
Nel 1948, utilizzando 20000 lire ricavate dall’attività del Circolo, fu acquistata una casa che venne poi ristrutturata con l’aiuto di tutta la comunità ed adibita a scuola. Ogni famiglia donò, nel limite delle proprie possibilità, il materiale occorrente alla ristrutturazione. Il locale superiore fu adibito ad abitazione della maestra. La scuola ospitava anche gli alunni delle frazioni limitrofe.
Nel 1949 gli abitanti di Salaro donarono una parte della scuola al Comune di Sabbia, riservandosi il locale al primo piano per le riunioni della frazione; nel 1952 donarono tutto il locale della scuola al Comune di Sabbia.
Negli anni ’50 vi erano circa 35 famiglie residenti nella frazione.
La scuola elementare di Salaro fu chiusa il 23/06/1965 per carenza di alunni.

La corsa
Nella 2a domenica di Agosto si svolge una corsa in montagna denominata “Caminaa d’la Val Sabbiola” giunta alla 36a edizione. Questa gara podistica da anni elenca fra i partecipanti i migliori atleti della corsa in montagna ed i rappresentanti di punta delle varie Associazioni di categoria.
Il percorso, per una lunghezza di 6 chilometri, con partenza dalla frazione Crosi prosegue per Sabbia ed infine giunge a Salaro Superiore.
Per la categoria giovanile, il percorso, con partenza dalla frazione Crosi ed arrivo a Salaro Superiore, si sviluppa per una lunghezza di circa 3 chilometri.


Collegamenti al Servizio:
Consorzio frazione Salaro






Comune di Sabbia, Via centro, 111
13020 Sabbia (VC) - Telefono: 0163 55516 Fax: 0163 560507
C.F. 82001970027 - P.Iva: 01209750023
E-mail: sabbia@reteunitaria.piemonte.it   E-mail certificata: sabbia@cert.ruparpiemonte.it